5 modi semplici e veloci per fare l’orientatore a scuola

Aiutare i ragazzi a scegliere la giusta strada è una vera e propria missione. Ecco alcuni modi per indirizzarli, anche se non hai tempo a disposizione.
Lettura in: 2 minuti

Occuparsi di orientamento a scuola è una mansione di forte responsabilità, che esige impegno e tempo per organizzare i materiali. L’orientatore è colui che accompagna i ragazzi nella definizione del proprio progetto formativo e professionale e nella gestione di particolari momenti di transizione.

Il suo compito, dunque, è fornire assistenza e suggerimenti, aiutando ad individuare le scelte più coerenti con le attitudini personali. Ogni ragazzo è seguito personalizzando il servizio in base alle sue esigenze e sogni lavorativi.

Fare l’orientatore, dunque, non si può improvvisare ed esistono alcune strategie per strutturare un orientamento di qualità, rispondere alle domande degli allievi e diventare un punto di riferimento nella scuola, senza penalizzare le altre attività di cui si è già incaricati.

Partire dai ragazzi

Un modo sicuramente infallibile è quello di sottoporre i ragazzi a dei test psico-attitudinali. I test servono all’orientatore per individuare le caratteristiche personali del singolo allievo, fare un bilancio delle competenze e costruire così un quadro completo. Grazie a questi elementi l’orientatore è poi in grado di aiutarlo a comprendere i propri punti di forza e di debolezza, facilitare il processo di scelta dell’ambito professionale più in linea con le proprie aspirazioni, operare scelte di carriera e sviluppo professionale più consapevoli.

Scopri la guida per gli orientatori

Utilizzare statistiche

I dati danno sicurezza. L’Istat e il Miur analizzano spesso l’andamento del mondo lavorativo, partendo dal tasso di occupazione dei post diplomati e post laureati. Attraverso una panoramica precisa, l’orientatore è capace di rispondere alle richieste dei genitori, spesso preoccupati per il futuro dei loro figli. Analizzare le statistiche, inoltre, serve all’orientatore per capire come indirizzare gli allievi verso quei lavori in ascesa.

Studiare il mondo lavorativo

Oltre alle statistiche, un buon modo per fare orientatore è rimanere sempre sulle professioni più richieste sul mercato del lavoro, sulle opportunità di formazione, sulle leggi sul lavoro, sulle modalità per l’avvio del lavoro autonomo. Tutto questo si può fare con ricerche quotidiane oppure iscrivendosi a newsletter di quotidiani o blog specializzati nelle risorse umane.

Giornate di orientamento

Da non sottovalutare sono i cosiddetti “Open day”, ovvero delle giornate in cui l’orientatore accompagna gli allievi a conoscere aziende e far vedere da vicino cosa li aspetta fuori dal confortevole mondo scolastico. Le giornate di orientamento si sviluppano di solito in più date e sono un’occasione preziosa sia per le aziende che possono intercettare nuovi talenti sia per gli studenti magari ancora indecisi sul percorso lavorativo.

Consultare dei professionisti

Spesso chi è orientatore a scuola non ha tempo per reperire le statistiche, organizzare il materiale e prepararsi adeguatamente. In questo caso, un modo semplice per adempiere al suo dovere è farsi aiutare da professionisti del mestiere.

Alcune Business School, come AcademyQue, mettono a disposizione delle scuole il loro know how per indirizzare i più giovani verso le nuove professioni. La cosa indispensabile, infatti, è rimanere aggiornati sulle tendenze di mercato e i cambiamenti che stiamo vivendo.

Sono nate alcuni mestieri che non necessitano di lauree, ma di un diplomato sorretto da un Master o un Corso di Specializzazione capaci di sopperire quelle competenze non ancora acquisite.

La formazione digitale con AcademyQue

I Master e i Corsi erogati da AcademyQue, riguardano il settore IT, il Digital Marketing e le Risorse Umane. Il metodo di insegnamento è misto: detto “blended”, inclusivo che rispetta la diversità di ciascun allievo, che consente la partecipazione attiva, rimuovendo le barriere e anticipando le preferenze di apprendimento. Per questa ragione sono usati più canali, più media come: live streaming, on demand, webinar, workshop, project work ecc.

Progettando una didattica innovativa, AcademyQue si impegna per creare giovani talenti e inserirli immediatamente nel mondo del lavoro.

Scopri la guida per gli orientatori

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai

Scarica la Guida semplice e veloce per diventare un bravo orientatore a scuola

Richiedi la guida completa 2020/21

Guida di sopravvivenza ai Master

Tutto quello che devi sapere per fare la scelta giusta

SPECIALE: Confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento

Scarica la guida

AcademyQue è accreditata da Fondoprofessioni.

Gli Studi professionali/Aziende iscritti a Fondoprofessioni possono richiedere i voucher per la formazione del proprio personale.

I corsi che sono finanziabili con questo voucher, sono segnalati con l’icona    .

Entra subito in contatto con un Career Coach

AcademyQue

Richiedi la brochure