5 punti che vedono la formazione del futuro

Molte delle soluzioni creative emerse in risposta alla pandemia sono più che soluzioni, sono cartoline dal futuro.  All'interno di questi adattamenti sono nascosti indizi su come l'istruzione potrebbe evolversi.
Lettura in: 5 minuti

In tutto il mondo, educatori, genitori e studenti hanno trovato il modo di continuare ad imparare e a formarsi nonostante il distanziamento sociale.

La pandemia ha fatto emergere nuove esigenze ed esposto la rottura del nostro sistema esistente.

Ognuno di noi dovrebbe considerare queste esigenze come opportunità per ricostruire meglio e scrivere un nuovo capitolo. Non siamo ciecamente ottimisti, ovviamente. I sistemi che funzionano bene per alcuni e non per altri non sono riusciti in questo modo per caso: sono stati progettati  e potrebbero essere rinforzati.

Sappiamo anche che ci sono molte persone là fuori che stanno già pensando a possibili soluzioni, quindi abbiamo raccolto una serie di informazioni su coloro che stanno facendo il lavoro per riformare l’educazione.

 

Come potremmo quindi adattarci all’apprendimento remoto mentre utilizziamo questo momento anche per reimmaginare radicalmente ciò che devono essere i nostri sistemi educativi?

 

Abbiamo ascoltato genitori e studenti, ma anche architetti e imprenditori.

Vediamo cosa abbiamo trovato:

 

√ L’equità non sarà più un ripensamento

“Quando imparano da casa, non tutti gli studenti hanno lo stesso tempo o spazio per concentrarsi sul loro lavoro di classe.” – Kristen Myers, Communication Designer, Chicago

La pandemia ha amplificato i vuoti azionari esistenti e ne ha portato nuovi in ​​netto rilievo. In poche parole: quando gli studenti sono meno visibili, è più facile per loro semplicemente scomparire. E se la casa di uno studente non ha Internet affidabile, non importa quanto si presentano pronti per l’apprendimento: la barriera al successo è strutturale. Invece di cercare di correggere le disuguaglianze dopo che sono emerse, le scuole devono prendere in modo proattivo decisioni che servano agli studenti in proporzione ai loro bisogni.

Siamo stati particolarmente ispirati dall’ingegno di paesi in cui l’accesso alla tecnologia è meno affidabile.

Il paese di Panama, ad esempio, ha fatto lezioni in Crowdsourcing dai suoi migliori insegnanti di scuola pubblica e ha trasmesso tali lezioni alla TV nazionale. Negli ultimi cinque minuti di ogni lezione, un istruttore speciale spiega le tecniche migliori di apprendimento per le famiglie i cui bambini hanno bisogni speciali.

Condividendo le lezioni in televisione, oltre 6 milioni di studenti in tutto il Panama hanno avuto accesso ai migliori insegnanti del paese.

L’innovazione non significa necessariamente sfruttare la tecnologia più recente.

L’approccio di Panama soddisfa le esigenze degli studenti su vasta scala. In futuro, essere radicalmente inclusivi sarà la norma, non l’eccezione.

√ La “classe” sarà ovunque

“Centri d’arte, musei, biblioteche, scuole forestali, università, potrebbero essere utilizzati per ospitare piccoli gruppi di cluster (stessi bambini e insegnanti in ogni momento) per aiutare a diffondere la popolazione scolastica in tutti i luoghi nelle comunità”. – Nia Richards, Learning Experience Designer, Galles, Regno Unito.

Senza il vaccino ancora in vista, tornare a scuola fisicamente in autunno è una sfida scoraggiante. Ma nascosto nella sfida di adattarsi a questa nuova normalità nasconde una verità più ampia: i maggiori vincoli delle scuole sono i loro stessi muri.

E se non lo vedessimo come un vincolo spaziale ma un’opportunità spaziale? Quando espandi i confini della classe, c’è un potenziale inutilizzato quasi illimitato.

In risposta alla nostra domanda, abbiamo ricevuto dozzine di usi innovativi dello spazio fisico. Dalle aule dei giardini dove gli studenti possono imparare dal loro ambiente naturale, alle aule virtuali che collegano gli studenti di tutto il mondo, espandendo la nostra prospettiva su dove può avvenire l’apprendimento, in moda da ampliare il modo e ciò che insegniamo. E quando gli studenti imparano nel contesto del mondo reale, saranno meglio attrezzati per risolvere i problemi del mondo reale.

 

√ Gli studenti gestiranno i propri programmi

“Il programma … è arcaico. È inflessibile. Non funziona più nella società di oggi. ” – Kevin Varano, insegnante di storia delle scuole superiori, Lancaster, Pennsylvania

Negli ultimi mesi, abbiamo tutti vissuto in una distorsione temporale.

I giorni passano in un batter d’occhio. Le settimane durano mesi. Gli indicatori del tempo sembrano arbitrari.

Ma lo stesso valeva per gli studenti prima della pandemia: il giorno di scuola, l’anno scolastico e la divisione delle materie sono tutti costrutti. Il fatto che la giornata scolastica si concluda alle 14:00 e abbia una vacanza estiva di tre mesi potrebbe funzionare per le famiglie che possono permettersi la cura dei bambini e il campo, ma non per le famiglie che non possono. La rigidità degli orari scolastici è una barriera strutturale all’equità.

Poi c’è il programma della giornata scolastica.

Josh Stern, uno studente emergente al liceo di New York, ritiene che gran parte del suo lavoro sia stato limitato dalle esigenze della giornata scolastica standard. Durante la quarantena, è stato in grado di fare il suo lavoro quando si sente più energico e prendere incontri a metà giornata con professionisti nei settori che è interessato a seguire.

Durante questa crisi, studenti come Josh hanno gestito il proprio tempo bilanciando la scuola con hobby, lavoro e assistenza familiare. Sarà difficile ripristinare tale flessibilità. È tempo che le scuole adottino orari flessibili che soddisfino meglio le esigenze degli studenti.

 

 Le scuole sosterranno le famiglie piuttosto che il contrario

“I genitori (come me) sono diventati Assistenti didattici involontari durante la notte quando le scuole hanno chiuso. Non abbiamo avuto preparazione, esperienza e, francamente, nessun indizio per quanto riguarda l’insegnamento. ” – Erik Mooij, genitore, Utrecht, Paesi Bassi

Se negli ultimi mesi abbiamo imparato qualcosa, è quanto può essere difficile insegnare. Le famiglie stanno sviluppando una comprensione intima di tutto ciò che serve per aiutare i loro figli a imparare – e le scuole stanno sviluppando una comprensione intima di quanto siano mal equipaggiate per aiutare le famiglie a servire i propri figli. In futuro, le scuole ripenseranno a come possono sostenere meglio le famiglie.

Prendi Kidappolis, un’app di apprendimento bilingue che aiuta le famiglie a rimanere coinvolte nell’educazione dei loro figli attraverso aggiornamenti basati su SMS. Quando i genitori hanno il potere di aiutare i loro figli, non solo le famiglie saranno più investite nel successo dei loro figli, ma anche i risultati di apprendimento miglioreranno.

 

√ Ci saranno nuove misure di successo

“L’uso di test standardizzati per valutare le scuole aggrava le disuguaglianze e distorce gli scopi educativi”. – Ciao Howard, direttore esecutivo senza scopo di lucro, Denver, CO

Per anni, i risultati dei test sono stati la metrica che conta per insegnanti, studenti e scuole. Ma durante la pandemia, l’importanza fuori misura di voti, prove e presenze è impallidita in presenza di maggiori bisogni, come se uno studente abbia un computer da usare o abbastanza da mangiare.

Abbiamo visto come, per gli studenti, la scuola e la vita non sono entità separate. È difficile concentrarsi sul completamento di un compito quando devi sorvegliare la tua sorellina. Ciò sarà vero dall’altra parte di questa pandemia globale.

Per troppo tempo, abbiamo fatto affidamento sui proxy per ciò che gli studenti sanno (corsi completati, livello scolastico e punteggi dei test) piuttosto che dare agli studenti l’opportunità di mostrare ciò che sanno. Andando avanti, siamo incoraggiati da approcci alla valutazione basati sulle competenze che premiano un’ampia definizione di crescita.

Siamo rimasti stupefatti dall’innovazione nata dai vincoli della pandemia. Le scuole di tutto il mondo hanno sfruttato le loro comunità per acquistare e distribuire centinaia di migliaia di laptop agli studenti bisognosi. 

Piani di apprendimento a distanza che avrebbero potuto richiedere anni, alcuni distretti sono stati implementati in settimane. Gli insegnanti hanno trovato il modo di portare creatività, gioia e leggerezza in questo momento difficile.

Sebbene tutti si adattino rapidamente, il cambiamento sistemico è assicurato.

Garantire che le soluzioni centrate sullo studente e sulla famiglia richiedano di seguire l’esempio di coloro che svolgono il lavoro. Educatori, famiglie e studenti hanno idee su come reimmaginare il futuro dell’apprendimento, aiutati dal progresso della tecnologia, si pensi all’intelligenza artificiale, tra le tante.

Usiamo questa esperienza per ascoltare le loro voci.

_

AcademyQue 

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai