Il Programmatore, una nuova professione per chi vuole affermarsi e guadagnare

Fare carriera sembra difficile, ma scelto il giusto lavoro la strada sarà in discesa. Ecco cosa serve e come si deve fare per diventare programmatore
Lettura in: 5 minuti

Se il mondo dell’informatica ti appassiona e hai fame di successo, il tuo lavoro è nel settore IT.
IT sta per Information Technology, ovvero quell’insieme di metodi che sono utilizzati per archiviare, trasmettere ed elaborare le informazioni attraverso l’uso di reti e attrezzature di telecomunicazione. L’IT può essere considerato l’ambito delle tecnologie digitali relative allo sviluppo di hardware e software e all’ottimizzazione della gestione dei dati.

Perché fare il programmatore? I vantaggi

Ecco Perchè fare i programmatori
Perchè fare i programmatori: scopri i motivi

Secondo lo studio “Jobs of The Future”, condotta dalla famosa agenzia di recruiting Hays, nel giro di pochi anni, ed entro il 2030, il mercato del lavoro subirà un cambiamento tecnologico, che comporterà un consolidamento dei lavori in digitale già esistenti, come il web-designer, il developer, lo sviluppatore di app per dispositivi mobili e altri. Fare il programmatore, quindi, è proiettarsi immediatamente nel futuro ed avere molta probabilità di trovare un’occupazione. È il lavoro giusto per il futuro. Sono sempre di più le aziende, infatti, che hanno avviato, e stanno avviando, un processo di digitalizzazione dei loro processi e che richiedono degli specialisti del settore.

Ci sono, tuttavia, altri vantaggi. In primis, si tratta di un lavoro che si può svolgere in remoto. Non recarsi più in ufficio permette di lavorare da qualsiasi parte, perché gli attrezzi del mestiere sono semplicemente un computer e una rete di connessione internet. Questa possibilità ovviamente amplifica le opportunità di trovare lavoro: non è necessario limitare la ricerca al proprio paese o alla propria regione, si può inserire una qualsiasi città di Italia, o addirittura del mondo.

È un lavoro in cui si guadagna: ecco il vantaggio economico, che non dispiace. In Europa, gli stipendi degli sviluppatori software generici sono destinati ad aumentare, da € 39.500 a € 55.000 in media nel 2021, da €42.000 a € 57.000 nel 2022 per i profili con molta esperienza. Tra le retribuzioni più basse troviamo quelle di figure entry-level con scarsa esperienza o meno specializzate, mentre profili con più anni di lavoro alle spalle godono di retribuzioni molto più elevante. Gli stipendi per i ruoli dei manager dell’IT dovrebbero rimanere gli stessi almeno per tutto il 2021.

Le competenze richieste

Per essere un buon programmatore è fondamentale conoscere molto bene il mondo informatico, e in particolar modo sapersi destreggiare con:

– i diversi hardware
– i software e i pacchetti applicativi
– i linguaggi di programmazione
– le attrezzature elettroniche di base

A queste competenze tecniche, si aggiungono delle competenze trasversali. Durante la programmazione si può incappare in bug o errori mai visti prima. È richiesta, quindi, una certa capacità di risoluzione dei problemi. La vera differenza sta nel modo in cui si è in grado di risolverli, perché si tratta di trovare la soluzione meno costosa a livello di tempo e di risorse, ma anche più efficace. Un altro elemento importante per diventare programmatore è saper organizzare il proprio lavoro. Tutte le aziende si reggono su una precisa scansione delle attività, funzionale agli obiettivi da raggiungere.

Il programmatore deve saper progettare e utilizzare le attrezzature ai suoi scopi, rispettando le tempistiche. Deve, inoltre, dimostrare una certa flessibilità mentale nell’adattarsi alle tecnologie già “in house”. Va da se che decisiva sia anche la capacità di gestione del tempo e quella di lavorare efficientemente sotto stress. Da non sottovalutare, infine, è la capacità di ascolto delle richieste del cliente e saper lavorare in team.

I diversi profili

Prima di elencare i profili principali del programmatore, chiariamo un concetto importante: il programmatore e lo sviluppatore sono professioni che si intersecano a vicenda, potremmo dire due facce della stessa medaglia. Spesso leggiamo che il primo si occupa di scrittura dei codici, il secondo è esperto nell’analisi e nella progettazione del software. Tuttavia, si tratta di una distinzione solo teorica, perché nella realtà un bravo professionista ha conoscenze vaste del mondo informatico, sapendo gestire entrambe le mansioni. Questa commistione di interessi si rispecchia nel mercato lavorativo, dove sono sempre più richieste persone che sappiano porsi a metà strada tra le due professioni.

Chiarito che non esiste una differenza netta tra sviluppatore e programmatore, descriviamo le varie figure all’interno della macro famiglia dei programmatori. Il primo profilo che possiamo individuare è il software developer. Tra i suoi compiti rientrano la scelta dei parametri, la codifica e la crittografia dei codici. In base alle esigenze dell’azienda per cui lavora, si può occupare della creazione di vari software: programmi di sicurezza informatica, di automazione digitale, di e-commerce, di visualizzazione e analisi dei big data, di identità digitale.
Il software developer si può specializzare in front-end developer e back-end developer:

– il front-end developer si occupa di ciò che gli utenti vedono aprendo un sito, utilizzando come linguaggi di programmazione di solito CSS, JavaScript e HTML. Non si tratta però di grafica, perché il front-end developer è interessato piuttosto alla user experience, ovvero all’ottimizzazione dell’esperienza dell’utente sul sito.
– il back-end developer si concentra su tutto ciò che sta dietro il sito, che l’utente non vede immediatamente. Sviluppa il codice di base e si cimenta con linguaggi di programmazione come Java, Net, Phyton, C#.

A queste due figure possiamo aggiungerne una che le unisce: il full-stack developer, il quale si occupa, quindi, sia della parte back sia della parte front dei siti e dei software. Tutte le aziende concordano sul fatto che gli sviluppatori full-stack hanno la massima flessibilità: il 38% delle aziende afferma che è il ruolo numero 1 da ricoprire nel 2021 e 2022. L’enfasi sugli sviluppatori full-stack è stata più pronunciata nelle piccole aziende (1-49 dipendenti), il 43% delle quali ha classificato il ruolo come priorità assoluta.

Molto richiesto è anche l’amministratore di database, che gestisce le basi di dati. Si tratta di un lavoro importante perché i database aiutano le decisioni aziendali; si possono, infatti, realizzare dei rapporti e delle analisi. Ad esempio, possiamo utilizzare i database per conoscere meglio i nostri clienti ed elaborare delle strategie marketing più efficaci.

Un altro profilo del programmatore in forte espansione è il game programmer. È il responsabile della programmazione di un videogioco. È colui che analizza ogni aspetto del gioco, fa in modo che le singole parti dialoghino tra loro e realizza i tool che i collaboratori utilizzeranno per i contenuti. Anche lo sviluppatore di app per dispositivi mobili è una professione molto richiesta nel mercato del lavoro. Indispensabile in questo caso la conoscenza delle piattaforme IOS e Android, ma sapersi, poi, specializzare in uno di questi sistemi.

Qual è il modo migliore per diventare programmatori?

Scopri Come diventare programmatore oggi
 Come diventare programmatore

Chi intraprende la strada del settore IT di solito proviene da un titolo di studio tecnico-scientifico, che sia il diploma o la laurea. L’Università, che viene scelta per rendersi più appetibili ai recruiter, presenta un grande limite: raramente prepara lo studente al lavoro. Terminati gli studi, ci si sente spaesati, come se non si fosse, di fatto, pronti per nulla. Sono necessari, quindi, un forte spirito di intraprendenza e una formazione ancora più mirata: i Master e i Corsi di Specializzazione rappresentano un modo per completare le proprie conoscenze e fare esperienza “sul campo”.

Il nuovo BootCamp di AcademyQue

AcademyQue, prima business school totalmente online, offre Master e Corsi altamente professionalizzanti che ti permettono di ampliare la tua formazione in modo specifico. Attraverso esercitazioni e quiz metterai subito in pratica tutto ciò che hai appreso, sperimentando le tue abilità.

AcademyQue nasce per fornire competenze ai giovani, ai professionisti, assistendoli nella loro crescita professionale. Per questo è sempre attenta ai veloci cambiamenti della nostra società, pronta ad offrire una formazione al passo con i tempi.

Sempre più spesso, ad esempio, abbiamo visto che viene chiesto ai programmatori di reiventare totalmente il modo in cui operano le aziende. È stato in queste circostanze che molti programmatori hanno adottato e supportato strumenti low-code che AcademyQue ha inserito nel suo nuovo Bootcamp dedicato ai percorsi di Information Technology.

L’esperienza di un Master o un Corso da remoto presenta vari vantaggi: poter usufruire delle lezioni quando vuoi e da qualsiasi luogo, ma soprattutto avere la possibilità di sviluppare quelle competenze digitali oggi sempre più richieste dalle aziende.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai

Richiedi la guida completa 2020/21

Guida di sopravvivenza ai Master

Tutto quello che devi sapere per fare la scelta giusta

SPECIALE: Confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento

AcademyQue è accreditata da Fondoprofessioni.

Gli Studi professionali/Aziende iscritti a Fondoprofessioni possono richiedere i voucher per la formazione del proprio personale.

I corsi che sono finanziabili con questo voucher, sono segnalati con l’icona    .

Entra subito in contatto con un Career Coach

AcademyQue_Logo_Registered

Richiedi la brochure