L’imprenditorialità può essere insegnata?

In un settore –quello delle università e delle business school- in cui i programmi tendono a imitarsi a vicenda, abbiamo scoperto che alcuni programmi hanno rotto gli schemi e sviluppato le proprie filosofie nell'insegnamento dell'imprenditorialità
Lettura in: 4 minuti

All’inizio di aprile, uno studente tailandese, leggendo le statistiche governative, ha notato una carenza di disinfettante per le mani di alta qualità e a basso costo in tutta la Thailandia. Per sostenere i soccorsi di Covid e generare entrate, ha spostato rapidamente l’azienda di forniture mediche della sua famiglia alla produzione di disinfettanti.

Dall’altra parte del mondo, quando Dollaride, un’azienda incubata nei Future Labs della New York University, ha riconosciuto che la pandemia aveva eliminato la domanda per la loro attività di trasporto per pendolari a New York, ha aggiornato il proprio modello di business per sfruttare i propri mezzi, la tecnologia e le rotte esistenti per supportare la crescita di richieste di consegna dei pacchi.

Nessuno dei due imprenditori ha seguito il tipico approccio della business school quando ha deciso di orientare la propria attività: non ha condotto un’analisi di mercato a lungo termine, non ha sviluppato un piano aziendale o valutato vari approcci alternativi.

In effetti, se avessero fatto queste analisi, avrebbero potuto concludere che :

  • i guadagni a breve termine non avrebbero giustificato l’investimento di riorganizzazione, oppure,
  • sarebbero potuti rimanere bloccati nel tentativo di capire come stimare la durata della pandemia o quanto presto la produzione globale poteva riprendersi.

Invece, hanno semplicemente agito in base alle risorse a loro disposizione.

Questo approccio all’imprenditorialità è chiamato “attuazione“, ovvero fare leva su ciò che sappiamo, chi conosciamo e chi siamo per poter agire.

Le business school generalmente non insegnano questo approccio, poiché tendono a concentrarsi maggiormente su lunghi calcoli di rischio e rendimento. Ma di fronte a un futuro sempre più incerto e complesso, le scuole devono adottare nuove filosofie di insegnamento, progettate per forgiare leader agili e imprenditoriali (vedi il nostro articolo sulla nuova era della leadership digitale).

Le Business School possono insegnare l’imprenditorialità?

Mentre i moderni programmi MBA offrono una serie di programmi di imprenditorialità che vanno dai corsi formali ai concorsi di avvio e agli incubatori, c’è un grande scetticismo sull’idea che l’imprenditorialità possa essere insegnata dagli accademici all’interno di una classe, soprattutto nelle università.

Sono tantissimi gli imprenditori di successo che non hanno mai frequentato una scuola di economia e molti non si sono nemmeno laureati, alcuni addirittura non hanno un diploma. Inoltre, lo sviluppo della propensione all’immaginazione, alla rottura e all’azione controintuitiva richiesta per un’efficace imprenditorialità del futuro non si inserisce generalmente in un tipico curriculum di una scuola aziendale definito da modelli analitici astratti e calcoli precisi.

Tuttavia, molte scuole ritengono che ci sia ancora un posto per l’istruzione formale nel mondo dell’imprenditorialità e hanno adottato misure per aggiornare le loro offerte per soddisfare le esigenze degli studenti di oggi.

In un settore –quello delle università e delle business school- in cui i programmi tendono a imitarsi a vicenda, abbiamo scoperto che alcuni programmi hanno rotto gli schemi e sviluppato le proprie filosofie nell’insegnamento dell’imprenditorialità.

Gli approcci più efficaci

Da un’osservazione di alcune business school e università all’avanguardia anche per la loro capacità di trasformarsi costantemente, emergono alcuni approcci che si stanno rivelando molto efficaci nello stimolare l’imprenditorialità

Il primo approccio si è concentra sull’instillare un apprezzamento per il valore dell’esperienza di vita reale con una configurazione in classe “sala operatoria”. La Rotman School of Management dell’Università di Toronto ha trasformato la loro classe di imprenditorialità in una sala operatoria in stile scuola di medicina, dove gli studenti si siedono in un grande auditorium e guardano un professore che esegue un intervento chirurgico non su un corpo umano, ma su una startup.

Nel Creative Destruction Lab di Rotman, un gruppo di imprenditori affermati si unisce ai professori nel dare spunto e stimolare a queste startup, aiutando gli studenti ad assorbire l’intuizione che le capacità imprenditoriali possono essere sviluppate solo attraverso l’esperienza.

Altre business school hanno adottato programmi simili, come Endless Frontier Labs della NYU Stern, che condivide l’attenzione di Rotman sull’apprendimento esperienziale.

Il secondo approccio è orientato a “concentrare” gli studenti nell’agire invece di cadere nella paralisi dell’analisi. Abbiamo tutti una voce nella nostra testa che dice: “E se questo andasse storto?” o “Come gestisco questo rischio?”

Immagina il potere di una formazione che ti aiuti a calmare quella voce e invece di dire: “E se andasse bene?”

La Darden School of Business dell’Università della Virginia è il luogo di nascita dell‘imprenditorialità “efficace”, un approccio che invita gli studenti a riconoscere le proprie risorse imprenditoriali esistenti e ad accettare una certa quantità di rischio.

Questa mentalità è antitetica a un approccio di business school più convenzionale che enfatizza la riduzione al minimo del rischio. Inoltre, mentre il mondo degli affari è spesso noto per la sua natura spietata e ferocemente competitiva, il programma instilla negli studenti un apprezzamento per il potere dell’innovazione collaborativa incoraggiando gli studenti a condividere idee apertamente con i loro coetanei e attingere a diverse intuizioni e prospettive per co-creare iniziative imprenditoriali.

Un altro ulteriore approccio si basa sull’idea che le business school dovrebbero insegnare l’imprenditorialità in modo simile a come vengono insegnate le altre materie: fornendo agli studenti modelli analitici e strumenti tratti dalla ricerca accademica pubblicata sulla creazione di nuove imprese.

Sebbene questa filosofia possa essere utile per le startup più mature, così come per aiutare i fondatori a evitare le insidie ​​comuni delle startup, come scegliere il co-fondatore sbagliato, accettare termini di finanziamento di rischio scadenti o prendere decisioni non ottimali sui prodotti, è meno utile per gli imprenditori che hanno a che fare con estrema incertezza.

Educare gli studenti dei Master ad abbracciare un futuro inconoscibile

L’attuale congiuntura fa evincere l’importanza di preparare gli imprenditori ad affrontare un mondo sempre più complesso e incerto. Dobbiamo educare questi futuri leader a vedere l’incertezza del nostro inconoscibile futuro NON come un problema da risolvere, ma piuttosto come una realtà da abbracciare.

Dopotutto, in un futuro inconoscibile, tutti i leader dovranno essere imprenditori: visionari in grado di immaginare, adattarsi e agire agilmente per affrontare qualunque sfida si presentino sul loro cammino. Le business school non dovrebbero ritardare l’adozione di nuove filosofie di insegnamento che consentano alla prossima generazione di imprenditori – così come a tutti i leader aziendali – di affrontare queste sfide.

In AcademyQue osserviamo ed esaminiamo lo sviluppo delle aziende e dei talenti in modo da adattare costantemente i nostri metodi, le tecnologie e l’organizzazione a nuovi modelli di insegnamento. Questo ci consente di forgiare nuovi talenti aperti alle opportunità offerte dalle migliori aziende.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai