Soft skills, lista delle competenze che tutti dovrebbero avere

Le soft skills sono competenze personali e trasversali che influenzano il modo in cui si lavora e ci si relaziona. Ecco una lista delle più importanti!
Lettura in: 4 minuti

In un mondo in cui l’accesso all’università è alla portata di tutti, così come quello ai Master, Executive Master e Corsi di Specializzazione, diventa sempre più difficile riuscire ad avere un profilo che faccia la differenza sugli altri in fase di ricerca del lavoro o di sviluppo di carriera. Diventa necessario sviluppare diversamente il proprio profilo per avere quella marcia in più che ti permetta di avere successo.

Come avere successo nel mondo del lavoro?

La risposta è tanto semplice quanto complesso è il suo raggiungimento. Si tratta infatti di riuscire a sviluppare una serie di competenze specifiche, denominate Soft Skills, che ti permetterebbero di essere una spanna sopra gli altri e che ti rendono appetibili nel mondo del lavoro.

Le Soft Skills, chiamate anche Power Skills o People Skills sono peculiarità e competenze personali e trasversali che influenzano il modo in cui si lavora e ci si relaziona. Spesso definite come un insieme di attributi e competenze positive fondamentali per le prestazioni e la produttività sul lavoro, per migliorare le relazioni e rendere un individuo più adattabile ai cambiamenti del mercato del lavoro. Queste competenze sono strettamente collegate all’intelligenza emotiva e includono abilità come comunicazione e ascolto, gestione del conflitto, capacità relazionali, collaborazione e cooperazione, lettura del contesto, e apertura al feedback, ecc.

A differenza delle “Hard Skills” (conoscere una lingua, saper utilizzare uno strumento, saper utilizzare un programma o un software…) queste competenze sono più difficili da definire e valutare e soprattutto da sviluppare e allenare, ma sono fondamentali per il proprio percorso di carriera. Le aziende di oggi assumono risorse dando sempre più rilevanza alle Soft Skills a discapito delle competenze tecniche, determinando in questo modo un impatto positivo nell’organizzazione lavorativa, nella produttività aziendale e nel raggiungimento degli obiettivi.

Il possesso di Soft Skills sta diventando essenziale e in alcuni casi anche più importante della conoscenza tecnica e delle Hard Skills.

Quali sono le Soft Skills da sviluppare e allenare per essere appetibili nel mondo del lavoro?

Tra le varie Soft Skills che ogni individuo dovrebbe sviluppare ed allenare ci sono: Lettura del Contesto, Flessibilità, Assertività, Teamwork, Problem Solving e per ultima, ma alla base di tutte queste Soft Skill troviamo la Digital Soft Skill per eccellenza: il Digital Mindset.

  1. Lettura del Contesto – Per Lettura del contesto ci si riferisce alla capacità di capire le dinamiche sociali che ci circondano e adattarsi funzionalmente ad esse nel rispetto dei ruoli e delle posizioni proprie e degli altri. Non è da confondere con fare “buon viso a cattivo gioco”, ma fa riferimento alla capacità di saper leggere le regole non scritte presenti in un gruppo (lavorativo e non) e rispettarle al fine del raggiungimento di un obiettivo comune; senza però evitare di esporre le proprie idee e valutazioni.
  2. Flessibilità – La Flessibilità rappresenta la capacità di recepire e concepire nuove e varie idee, di valutare e di saperle adattare con autonomia e spirito critico al rispetto delle esigenze proprie e dell’altro e, inoltre, di riuscire ad adattarsi funzionalmente ad eventuali processi di cambiamento in situazioni e contesti professionali e personali, con la disponibilità a modificare le proprie prestazioni sulla base delle esigenze. In altre parole, rappresenta la maturità con la quale si fronteggiano la diversità e la complessità delle situazioni, delle persone, dei gruppi.
  3. Assertività – L’assertività rappresenta la capacità di comunicare, esprimersi e comportarsi in modo affermativo nel rispetto di sé stessi e degli altri. Mediante l’assertività il raggiungimento degli obiettivi avviene senza sollecitare il conflitto e senza prevaricazioni.La persona assertiva: ¬ Permette a sé stessa di aprirsi all’altro, esprimendo le proprie idee ed aspettative. ¬ Sa aprirsi ai pensieri, ai sentimenti e all’esperienza dell’altro. Essere assertivi significa dunque comunicare in modo chiaro ed efficace le proprie emozioni e le proprie opinioni senza avere un atteggiamento aggressivo nei confronti dell’interlocutore, per questo motivo spesso si parla anche di comunicazione assertiva.
  4. Teamworking – Per Teamworking si intende la capacità instaurare relazioni positive al fine di indirizzare un gruppo verso un funzionale lavoro di squadra. Il lavoro di squadra è qualcosa di complesso, strutturato e potente, a cui le aziende possono attingere per differenziarsi in un mercato sempre più competitivo. La capacità di Teamworking risiede nella capacità di comunicare al meglio tra i membri della squadra, ascoltandosi attivamente senza sovrapporsi. Ogni membro del team deve avere piena fiducia nell’altro, anteponendo il successo di squadra a quello personale. È indispensabile non confondere un Team da un insieme di persone: ciò che caratterizza una squadra differenziandola da un semplice aggregato di persone è la condivisione di un obiettivo comune. Per intenderci, un insieme di individui che aspettano il bus sono solo un insieme di persone; diventano una squadra/gruppo nel caso in cui, ad esempio, il bus salta la corsa e quelle persone decidono insieme di scioperare, condividendo lo stesso obiettivo.
  5. Problem Solving – Per Problem Solving si intende la capacità di trovare soluzioni alternative a criticità, difficoltà e ostacoli nel nostro percorso personale e professionale. La capacità di Problem Solving consente di rispondere reattivamente al presentarsi di un problema (senza uscire di senno ma riuscendo a capire come agire) e, inoltre, di attivarsi proattivamente nell’identificare possibili soluzioni a problemi prima che si verifichino.
  6. Digital Mindset – Per Digital Mindset si intende la capacità relativa all’apertura al cambiamento. In un contesto di continua e repentina trasformazione indirizzata verso una digitalizzazione di tutti i processi lavorativi diventa necessario andare a ripensare il nostro mindset e settarlo in un’impostazione “digitale”. Il Digital Mindset rappresenta quindi la capacità di sviluppare una mentalità, un’attitudine al cambiamento e ai ritmi frenetici imposti dalla trasformazione digitale. Una nuova mentalità che, se diffusa all’interno dell’impresa, può comportare, nel tempo, notevoli vantaggi.

Ciò che unisce tutte queste competenze trasversali è un atteggiamento positivo.

Potrebbe sembrare banale, ma credere che ci sia un risultato positivo in tutte le situazioni difficili ti aiuterà a navigare nella quotidianità del tuo lavoro, facendo sì che le altre persone vogliano davvero lavorare con te. Tutte queste soft skills sono difficili da insegnare, ma se sviluppate faranno davvero la differenza nel tuo percorso professionale, quindi assicurati di investire tempo e sforzi nel miglioramento del tuo set di soft skill.

 

“Hanno tutti curriculum eccellenti… Quello che sto cercando di scoprire è come si comportano sotto pressione.” (Hyman G. Rickover)

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai