Approccio Agile Scrum: ecco come funziona

Generare valore attraverso soluzioni adattive a problemi complessi: è questa la definizione dell'Approccio Scrum. Ma quale è la sua funzione? ecco una guida
Lettura in: 4 minuti

Ultimamente si è sentito molto parlare dello Scrum, e di come questa recente metodologia di lavoro abbia migliorato l’efficienza di un team aziendale, apportando notevoli benefici.
Questo approccio, nato negli anni ’90, fa parte della metodologia di sviluppo Agile, ed è il modello senz’altro più diffuso. Sebbene il suo funzionamento sia semplice da capire, è un po’ più complicato riuscire ad implementarlo. Ecco perché è utile avere chiaro di cosa si tratta e quali sono gli elementi essenziali per applicarlo.

Vediamo insieme di cosa si tratta e quali vantaggi ha apportato nelle aziende che lo hanno applicato.

Cosa è l’approccio Scrum

La definizione ripresa dalla guida, vede lo Scrum come:

“un framework che aiuta le persone, i team e le organizzazioni a generare valore attraverso soluzioni adattive per problemi complessi”

Particolarmente funzionale nei progetti vasti ed articolati, chi lo utilizza vede ogni giorno particolari benefici rispetto alla creazione di un valore e al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Essenzialmente, lo Scrum si fonda sul principio di empirismo: tutte le decisioni prese, sono dettate dall’osservazione e dall’esperienza, e quindi dagli elementi di cui si ha già la piena conoscenza. Inoltre, si basa sull’intelligenza collettiva delle persone e, piuttosto che fornire loro istruzioni dettagliate, lo Scrum guida le relazioni e le interazioni tra i soggetti.

Nello specifico, in questo approccio i responsabili di progetto hanno una conoscenza completa di ogni aspetto delle attività svolte e ne esaminano costantemente l’andamento. Tutto questo fa sì che tale piano di lavoro sia sempre in linea con gli obiettivi stabiliti e che possa essere riadattato ad ogni esigenza e cambiamento, qualora sia necessario correggere il tiro.

Quindi se trasparenza, ispezione e adattamento sono le parole chiave di questo approccio, coordinamento ed organizzazione del team è il vero segreto del suo successo. Non a caso, il termine “scrum” è stato ripreso dal rugby, ed indica il momento in cui la squadra è unita per spingere verso la stessa direzione. Allo stesso modo quindi, il team di lavoro è coeso, si organizza e si coordina per raggiungere lo stesso scopo, lo stesso obiettivo.

Ma vediamo insieme come funziona questo approccio, e come si applica nelle aziende.

Elementi e Valori dell’approccio Scrum

Innanzitutto, quando parliamo di approccio Scrum è importante avere ben chiari i cinque valori sul quale esso si fonda: Impegno, concentrazione, apertura, rispetto e coraggio

Questi cinque valori sono veri e propri pilastri per le organizzazioni che vogliono apportare questo approccio di sviluppo. La loro condivisione inoltre, favorisce la coesione tra collaboratori, oltre che a un clima di fiducia, condivisione e cooperazione.

Lo Sprint

Una caratteristica che accomuna la Metodologia Agile è la suddivisione del progetto in diverse fasi di lavoro. Una peculiarità che non può certo mancare nello Scrum. In questo approccio, queste prendono il nome di “Sprint”, ed è il vero e proprio nucleo del suo sviluppo.
La suddivisione in Sprint è estremamente utile a valutare con più attenzione le azioni e i cambiamenti da intraprendere durante il percorso e a verificare periodicamente l’andamento di un progetto.

Ma veniamo adesso agli elementi base dello Scrum e cosa questi comportano.

I Ruoli

Nell’approccio Scrum è importante valorizzare la singola persona e il lavoro che questa apporta all’intera squadra di lavoro. Per questo motivo, la stessa guida Scrum si focalizza in primis su questo aspetto, diventando uno dei focus principali sul quale ragionare.

Applicando tale metodologia, il team di lavoro si caratterizza per la sua compattezza e completezza: ogni persona incarna i valori comuni, interagisce con l’altro e apporta conoscenze e competenze significative che possano stimolare la crescita di chi ha di fronte.

Sono tre i ruoli che si possono trovare al suo interno:

  • Product Owner – Responsabile del progetto e incaricato a massimizzare il valore del prodotto finale del lavoro
  • Scrum Master – un facilitatore che permette di superare ostacoli e criticità che potrebbero limitare o impedire la realizzazione del progetto
  • Developers – Più persone capaci di sviluppare ed eseguire nel pratico il progetto stesso.

Gli artefatti

Gli artefatti sono il lavoro da svolgere oppure possono rappresentare i valori. Grazie a questi, si ha una maggiore trasparenza delle informazioni più importanti. Questi si dividono in tre tipologie:

  • Product Backlog – un documento in continuo aggiornamento che contiene un elenco di tutti quegli elementi necessari alla realizzazione del progetto e che si sviluppa e si amplia con il tempo. Il Project Owner ne è il responsabile principale.
  • Sprint Backlog – è anch’esso un documento e contiene tutti quelle azioni necessarie al raggiungimento di un obiettivo durante quello sprint.
  • Incremento – un ultimo file che contiene tutti quegli elementi completati del Product Backlog.

Gli eventi

Gli eventi sono funzionali nel creare una regolarità, sono infatti stabiliti con la stessa periodicità. La loro corretta esecuzione aumenta la trasparenza richiesta dall’approccio Scrum, oltre ad avere una vera e propria opportunità di ispezione e adattamento degli artefatti sopradescritti.

  • Sprint Planning – Consiste nella fase iniziale dello Sprint, dove il gruppo di lavoro concorda l’obiettivo e delinea il percorso da intraprendere per raggiungerlo.
  • Daily Scrum – è un evento giornaliero di breve durata dove i developers pianificano le attività da svolgere.
  • Sprint Review – Un momento di condivisione finale, dove i partecipanti del progetto di riuniscono per valutare i risultati raggiunti
  • Sprint Retrospective– Lo Scrum Team si riunisce subito dopo lo Sprint Review per analizzare attentamente lo Sprint appena concluso. Un evento utile a capire le aree di miglioramento del team per ottimizzare al meglio le prossime azioni.

I vantaggi dell’approccio Scrum

Possiamo dire che la metodologia Agile rappresenta una vera e propria opportunità per qualsiasi organizzazione alle prese con i processi di digitalizzazione. Per i suoi rapidi cambiamenti infatti, il rischio è quello di concludere un progetto solo una volta che le esigenze di mercato si sono ulteriormente trasformate.

L’approccio Agile Scrum infatti è un modo di accelerare i tempi di chiusura di un progetto, oltre che a ridurne notevolmente i costi.

In conclusione, possiamo dire che questa proposta di sviluppo di progetto permette di meglio identificare le misure del rischio tecnico e avere una maggiore consapevolezza di pratiche e strumenti appropriati al fine di raggiungere lo scopo.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai