Sviluppo di un App mobile: alcuni errori da NON commettere

Nel mondo dello sviluppo software, solo 1 app mobile su 10.000 ottiene il successo. Quali sono allora gli errori da non commettere? Ecco la guida definitiva
Lettura in: 3 minuti

Nel mondo dello sviluppo software, solo 1 app mobile su 10.000 ottiene il successo e una ricerca di Gartner stima che meno dello 0,01% delle app è stato considerato un successo finanziario nel 2018.
È spaventoso, vero?

Eppure, credere nella propria idea è il primo passo per avere successo con la tua app mobile. E poi, cosa altro posso fare?
Nell’ articolo di oggi ti racconto gli errori più comuni che dovrai assolutamente evitare.

 

Sviluppo di un App mobile. errori da NON commettere
Sviluppo di un App mobile gli errori da NON commettere

(Ri)Conoscere gli errori

Dal lancio del primo BootCamp IT ad oggi, il concetto per noi di AcademyQue è rimasto sempre lo stesso: la metodologia vincente nel mondo dello sviluppo software è quella del Try & Fail, ovvero provare e fallire.

In programmazione, come in tanti settori, l’errore assume un ruolo importante e fondamentale. La paura del fallimento non deve bloccare le tue idee, piuttosto deve spronarti a provare e riprovare fino a riconoscere gli errori commessi e superare i propri limiti.

Adottando questo principio, prova a farti una domanda importante: quali sono stati gli errori più comuni per far sì che la percentuale di fallimento di una app mobile sia così alta?
Vediamoli insieme.

Mossa 1: Partire da una strategia

Ogni prodotto di successo, inizia con una grande strategia. E lo stesso vale per un’app mobile.
La strategia non è altro che lo sforzo creativo necessario per tradurre le esigenze dei consumatori in un’app che può essere utilizzata per svolgere un’attività.

L’obiettivo di una strategia di un app mobile è aiutare un utente a risolvere un problema o soddisfare un bisogno, in modo rapido ed efficace.

Senza una strategia ben progettata, ricercata e implementata a tutti i livelli di sviluppo, la tua app è destinata a fallire. Una delle mosse più sbagliate infatti è proprio quella di non pianificarne una in modo adeguato e lasciare tutto al caso

Mossa 2: Definisci il tuo utente

Quanto conosci il mercato di riferimento della tua app mobile?

Se la tua app non soddisfa un’esigenza o un problema di mercato, non verrà scaricata e, se finisce sul telefono di un utente, potrebbe non essere utilizzata.

Secondo un rapporto di SAP, quasi l’80% delle app mobili finisce per essere abbandonato subito dopo il primo utilizzo. Come mai? Hai indovinato: non sono adatti all’utente finale!
Il tuo percorso di sviluppo dell’app deve iniziare sempre con un’approfondita ricerca utente e di mercato. In altre parole, quale soluzione fornirà la tua app al tuo pubblico?

Definisci il tuo pubblico di destinazione e indaga sui loro problemi, bisogni, interessi e punti dolenti fondamentali.
Ottenendo una comprensione approfondita dei tuoi utenti specifici, molto probabilmente creerai un’app su misura per ciò che stanno effettivamente cercando.

Mossa 3: Differenziati

Ci sono milioni di app solo nell’App Store, e altrettante che popolano Google Play. Migliaia di app entrano nella mischia ogni giorno, e tante altre non sono presenti in questi due grandi marketplace.

Insomma, non importa come la guardi, ma la verità è che hai molta competizione davanti a te. Se non hai un’idea originale? non offri qualcosa di attraente al tuo pubblico di destinazione? la tua app non la taglierà il traguardo del successo.

Ecco perché un’app mobile ha bisogno di avere una proposta di valore unica, anche se la funzionalità principale del tuo prodotto digitale è simile ad altre.

Mossa 4: Cura Design e Progettazione

Sebbene ci siano molti elementi che rendono piacevole l’esperienza dell’utente, come minimo, la tua app dovrebbe essere facile e intuitiva da usare. Se gli utenti hanno difficoltà a trovare o utilizzare alcune delle caratteristiche o funzioni fondamentali della tua app, hai poche o nessuna possibilità di catturarli.

Il design è la prima cosa che l’utente vede quando interagisce con la tua app. Ma la scarsa usabilità complessiva dell’app può derivare da una serie di altre cose come per esempio:

  • un processo di registrazione noiosamente lungo e complesso;
  • funzionalità in ritardo, lente o con errori che influiscono sulle prestazioni complessive dell’app;
  • funzionalità inaccessibili;
  • tempi di caricamento dolorosamente lunghi.

È necessario occuparsi dei problemi di esperienza dell’utente durante la fase di progettazione e sviluppo del software. Una soluzione ottimale è quella di far testare l’usabilità dell’app fin dagli albori. in modo da poter tornare al tavolo da disegno tutte le volte che puoi, entro la data di lancio.

Formati con noi!

Il Bootcamp per sviluppatori di AcademyQue è il primo nel panorama delle business school di italia e grazie alle sue partnership ti aiuta a entrare nel mondo del lavoro e mettere in pratica le competenze fin da subito.

Grazie alla metodologia Try & Fail potrai imparare direttamente dai tuoi errori per poi superare ogni giorno i tuoi limiti e ottenere una carriera di successo.
Scoprilo ora su AcademyQue, Digital & Business School

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Ricevi comodamente gli articoli via mail per non perdere le informazioni utili e rimanere aggiornati

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2022

Con questa guida saprai

Richiedi la guida completa 2020/21

Guida di sopravvivenza ai Master

Tutto quello che devi sapere per fare la scelta giusta

SPECIALE: Confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento

Scarica la guida

AcademyQue è accreditata da Fondoprofessioni.

Gli Studi professionali/Aziende iscritti a Fondoprofessioni possono richiedere i voucher per la formazione del proprio personale.

I corsi che sono finanziabili con questo voucher, sono segnalati con l’icona    .

Entra subito in contatto con un Career Coach

AcademyQue

Scarica la brochure con i prezzi