Come sviluppare un Software

Anche il prodotto software ha un suo ciclo di vita. Prima di essere messo nel mercato, quest'ultimo prevede il superamento di diverse fasi: ecco quali sono
Lettura in: 4 minuti

Progettare e sviluppare un software è un processo che richiede impegno, oltre che a un gran dispendio di tempo ed energie. Presuppone infatti, la partecipazione di diversi membri di un team, la cui collaborazione è il vero segreto per un prodotto di successo.

Se ti sei mai chiesto come si sviluppa un software, in questo articolo cerchiamo di descrivere le varie fasi che costituiscono il ciclo di vita del prodotto.

Ma cosa è un software?

Il ciclo di vita di un programma software
Le fasi del ciclo di vita di un software

L’informatica è un settore a tratti molto complicato, per cui è bene partire dalle basi, anche quando possono sembrare banali.

Per capire bene di cosa si tratta e cosa lo distingue dal hardware, suggerisco di partire dall’etimologia del termine stesso: la parola inglese software è composta da due vocaboli distinti: in primo luogo troviamo “soft” che significa morbido, il secondo è “ware”, componente.

È l’opposto dell’hardware, che invece presenta la parola “hard” (duro) e ware. Questa distinzione rivela già di per sé la loro differenza sostanziale. Infatti, se l’hardware è tutto ciò che può essere tangibile dall’utente, e quindi gli aspetti fisici di un computer, il software è tutto ciò che non può essere toccato con mano.

In pratica, si tratta dell’insieme dei programmi presenti in una piattaforma e più nello specifico possiamo dire che è un insieme di istruzioni, dati o programmi utilizzati per far eseguire compiti specifici ai computer.

Fatta questa premessa importante, scopriamo allora come si può sviluppare un software e le diverse fasi per arrivare al prodotto finale.

Le fasi di sviluppo di un software

Lo sviluppo di un software è un processo complicato e necessita di particolare attenzione. È un lavoro piuttosto meticoloso, e richiede un’attenta ed efficiente pianificazione per un’esecuzione funzionale. Il ciclo di vita di un software si può suddividere in diverse fasi:

1. Identificazione
2. Architettura
3. Progettazione
4. Test
5. Rilascio

Vediamole insieme, una a una.

Fase 1: identificazione

Nella prima fase, ovvero la fase di identificazione, l’obiettivo è quello di analizzare le esigenze del mercato e i requisiti richiesti da un cliente (o possibile tale).

Durante questo stadio è importante avere ben chiare tutte le caratteristiche del software proposto. Questo passaggio non solo rappresenta una base per l’intero sforzo di sviluppo, ma è altrettanto fondamentale per capire il posizionamento del prodotto nel mercato. Se questa base non è posata correttamente, infatti, il prodotto non troverà un posto corretto nel mercato.

Se sviluppi un ottimo prodotto software che non è richiesto sul mercato, non importa quanto bene lo costruisci.

Fase 2: Architettura

Quando tutti i requisiti sono stati raccolti e organizzati, è il momento di creare l’architettura del prodotto.

L’architettura definisce non solo i diversi componenti del prodotto, ma anche il modo in cui interagiscono tra loro. In molti casi, in questa fase si definisce anche quali strumenti tecnologici utilizzare per costruire il prodotto e considerare le tempistiche del progetto.

Persone diverse lavoreranno sui molteplici componenti di sviluppo software, comprendendo  come un particolare componente comunicherà con gli altri. Dopo aver definito l’architettura, i componenti software e le relative interfacce, la fase successiva dello sviluppo è la creazione dei documenti di progettazione.

Fase 3: progettazione e coding

In questa fase entrano in gioco gli sviluppatori software che prendono i documenti di progettazione e gli strumenti di sviluppo (editor, compilatori, debugger, ecc.) e iniziano a scrivere il software.

Questa è solitamente la fase più lunga del ciclo di vita del prodotto. Ogni sviluppatore deve scrivere il codice e collaborare con altri sviluppatori per assicurarsi che i diversi componenti possano interagire tra loro. In questa fase, quindi, è necessario un sistema di controllo di revisione come CVS (Concurrent Versions System).

Allo stesso tempo, è importante avere ottimi strumenti di sviluppo che influiscono positivamente sul lavoro ottimizzando tempi, denaro e produttività.

Ad esempio, sappiamo che un buon editor aiuta uno sviluppatore a scrivere rapidamente il codice, e allo stesso tempo un buon debugger aiuta a rendere operativo il codice scritto in un breve periodo di tempo.

Fase 4: Test

Il test è probabilmente la fase più importante per il supporto a lungo termine e l’effettiva qualità del prodotto, un requisito davvero indispensabile per essere lanciato sul mercato. Ecco perché si richiede sempre di eseguire test approfonditi.

In molti casi prende il nome di Quality Assurance, o QA, nella maggior parte del mondo del software, ma esistono diversi tipi di test e ognuno ha la sua importanza.

Fase 5: Rilascio

Prima di iniziare a vendere qualsiasi prodotto software, questo viene rilasciato ufficialmente. Ciò significa che una volta assicurati i test, viene creato uno stato del software nel repository.
Al software rilasciato viene assegnato un numero di versione. Dopo il rilascio del software, lo sviluppo può continuare ma non apporterà alcuna modifica al software rilasciato.

I diversi tipi di software

Ecco Come si sviluppa un software
Come sviluppare un software

generico che fa riferimento ad applicazioni, script e programmi eseguiti su un dispositivo.

Possiamo dire che esistono diversi tipi di software e possono essere suddivise in diverse categorie, e sono:

Software applicativo: è un software che soddisfa un’esigenza specifica dell’utente finale.

Software di base o sistema: progettato per eseguire l’hardware di un computer e fornisce una piattaforma per l’esecuzione delle applicazioni.

Driver: permette al sistema operativo di gestire e dialogare con un hardware

Videogioco: non è altro che un software a scopo ludico, serve a divertire e intrattenere l’utente. Il Game Developer è una professione molto richiesta sul mercato

Middleware: fungono da intermediari tra i componenti dei software e applicazioni

Come si diventa programmatore informatico

Diciamo spesso che diventare programmatore è una strada tutt’altro che semplice. Piuttosto è una strada in salita e dovrai imparare in fretta a superare diversi ostacoli e molteplici competenze.
Imparare a programmare però significa anche dare una svolta decisiva alla tua carriera e fare un ottimo investimento di carriera. Infatti, le professioni in ambito IT sono le più richieste nel mercato digitali e anche tra le più pagate in Italia come nel resto d’Europa.

Non a caso AcademyQue ha da poco lanciato il suo BootCamp per programmatori, il primo nel panorama delle Business School.

Il Bootcamp comprende cinque percorsi Master per diventare uno di questi professionisti del settore:

Per approfondimenti, scarica la guida per diventare programmatore e scopri quale di queste professioni fa per te.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai

Richiedi la guida completa 2020/21

Guida di sopravvivenza ai Master

Tutto quello che devi sapere per fare la scelta giusta

SPECIALE: Confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento

Scarica la guida

AcademyQue è accreditata da Fondoprofessioni.

Gli Studi professionali/Aziende iscritti a Fondoprofessioni possono richiedere i voucher per la formazione del proprio personale.

I corsi che sono finanziabili con questo voucher, sono segnalati con l’icona    .

Entra subito in contatto con un Career Coach

AcademyQue

Richiedi la brochure