Apprendimento Online: cosa stiamo imparando?

La didattica a distanza non è uguale per tutti. Si è concluso un ciclo di scuola che per molti studenti, ma anche per i lavoratori in formazione hanno aperto le porte del digitale. E bene si, perché il digitale arriva anche qui, stravolge il panorama dell’informazione e ci mette davanti ad un bivio: quello di utilizzare Internet forzatamente per continuare a studiare ma anche a lavorare.
Lettura in: 4 minuti

Alla fine di queste continue lezioni online si tirano un po’ le somme. Le voci di dirigenti, pedagogisti, maestri, professori e amministratori evidenziano i primi problemi.

La buona riuscita della “DAD” (come ormai viene chiamata) dipende da dove vivi, dalla famiglia che hai, dal contesto sociale in cui abiti, dalla scuola che frequenti. Non tutti hanno piattaforme sicure, non tutti hanno iniziato le lezioni via web, non tutti hanno avuto in tempo un dispositivo per connettersi e soprattutto è mancata una sorta di “pedagogia 2.0”.

Come sostiene il pedagogista Daniele Novara: “Il problema è il metodo, siamo arrivati impreparati”.

Dietro tutta questa situazione c’è chi al contrario ha raccolto tutte le disambiguità, ostacoli e difficoltà come elementi preziosi da cui prendere spunto e scrivere un’altro capitolo.

Eccone alcuni.

 

Per quattro giorni a metà marzo, Cindy Hansen, un’insegnante di inglese alla Timpanogos High School di Orem, nello UTAH, si è reinventata diventando una docente completamente virtuale, gestendo la sua classe di circa 30 studenti attraverso la lettura del famoso libro “The Great Gatsby” online.

La signora Hansen non aveva esperienza con corsi virtuali e, come tutti gli insegnanti di tutto il paese, ha dovuto sperimentare. Ha deciso di caricare lezioni video – presentando il testo di “Gatsby” insieme a una piccola finestra nell’angolo dello schermo, in cui ha letto ad alta voce passaggi chiave e assegnato saggi.

La transizione sembrava procedere senza intoppi fino a quando, dopo diverse lezioni, riceve un messaggio da uno studente che parla raramente in classe:

Signora Hansen, quei video hanno dei problemi tecnici – non riesco a vedere il testo“. I Video erano orribili, e il povero ragazzo si sentiva frustrato. Ma la signora Hansen si è detta contenta che il ragazzo abbia detto qualcosa.

Dopo l’esperimento di questa primavera in classi online, insegnanti e distretti scolastici in tutto il paese si stanno preparando, forse, per quello che sarà un normale semestre autunnale.

Recenti ricerche hanno rilevato che la maggior parte degli studenti è rimasta indietro di mesi durante l’ultimo periodo dell’anno a causa delle gravi disuguaglianze nell’accesso ai computer, con il maggiore impatto sugli studenti a basso reddito.

Altre scuole, hanno affrontato con meno problemi la situazione, in parte mobilitando membri del personale per supportare sia gli insegnanti che gli studenti che non avevano connessione o dispositivi.

Ora, la maggior parte dei distretti sta affrontando il fatto che siamo davanti ad un futuro dell’educazione in cui i corsi online probabilmente faranno parte del normale ciclo didattico, sia che ciò implichi che gli studenti tornino in turni o che le classi rimangano chiuse a causa di focolai locali.

E alla base di tale situazione c’è una domanda fondamentale:

gli studenti imparano in modo efficace usando le lezioni virtuali?

 

Quello che stiamo scoprendo in alcune ricerche effettuate negli USA è che, generalmente, è più difficile mantenere gli studenti impegnati con lezioni virtuali, indipendentemente dal contenuto.

La ricerca che confronta l’apprendimento di persona con l’apprendimento online proviene da molte discipline e non beneficia dei tipi di controlli che gli scienziati preferiscono: corsi, insegnanti, studenti e composizione delle classi variano troppo per fare facilmente confronti.

La presenza fisica conta, in modi che non vengono catturati dal metodo scientifico.

Le due revisioni più autorevoli della ricerca presso la George Mason University, esaminando i risultati di quasi 300 studi, giungono a una conclusione simile.

Gli studenti tendono ad apprendere in modo meno efficiente del solito nei corsi online, di norma e in base al corso. 

Ma se hanno un facilitatore o un mentore a portata di mano, qualcuno che può aiutare con la tecnologia (si pensi anche all’intelligenza artificiale nel processo di formazione) e focalizzare la loro attenzione – approccio a volte chiamato Blended Learning – si esibisce anche in molte classi virtuali, è talvolta meglio.

 

Uno Stato che ha applicato questo approccio in senso lato, per quasi due decenni, è il Michigan (meglio USA). Un istituto no profit sostenuto dallo stato chiamato Michigan Virtual offre decine di corsi online, in lingue, scienze, storia e sviluppo professionale. Offre anche 23 corsi di collocamento avanzato virtuale (AP), per il credito universitario.

“Scopriamo che se gli studenti hanno un completo supporto e un programma organizzato – tengono la lezione ogni giorno della settimana alle 9 del mattino, per esempio – tendono a fare meglio che limitarsi a sintonizzarsi qua e là”, ha dichiarato Joe Freidhoff, vicepresidente del Michigan Virtual.

 

Il Mantra dell’apprendimento online è: il tuo tempo, il tuo ritmo, il tuo percorso.

 

In effetti, ciascuno di questi fattori è molto importante e in alcune strutture sembrano aiutare.

Nel 2012, l’istituto ha aggiunto un ambito di ricerca per tenere traccia dei progressi dei suoi studenti.

Nell’anno scolastico 2018-19, oltre 120.000 studenti hanno frequentato almeno uno dei suoi corsi virtuali; la stragrande maggioranza degli studenti era al liceo. Il tasso di passaggio era del 50% per coloro che vivevano al di sotto della soglia di povertà dello stato e del 70 percento per coloro che vivevano al di sopra di esso, una media approssimativamente in linea con le scuole superiori pubbliche.

Nel suo tentativo di spostare i corsi online a metà marzo, il distretto preso in esame ha messo in atto collaboratori, sia per gli insegnanti che ne avevano bisogno sia per fare le verifiche su alcuni studenti.

Una volta distribuito i Chromebook a tutti gli studenti che non avevano un computer a casa, ha implementato una politica legata all’assistenza e alla guida.

 

Il personale impiegato dal distretto come Coach di Apprendimento, ha fornito assistenza agli insegnanti e agli studenti, quando possibile. L’obiettivo è stato quello di aiutarli a imparare a fare questo adattamento.

In questa transizione, un gruppo di ricerca guidato dal dott. Borup e dalla sig.ra Jensen ha scoperto che erano in gran parte le misure non digitali che contavano di più. Gli insegnanti hanno offerto agli studenti orari di ufficio virtuali e li hanno contattati quando l’attività è stata interrotta. Quando quegli interventi non erano efficaci, i consulenti lavoravano con la famiglia.

L’ultimo periodo dell’anno scolastico 2020 è stato, in effetti, una dura lezione per gran parte del sistema educativo in ciò che le classi virtuali potevano e non potevano fornire. Il contenuto è lì, e accessibile, in qualsiasi corso ben preparato.

 

L’educazione virtuale dipenderà per il suo successo dai principi della vecchia scuola: un insegnamento creativo e attento unito al sostegno dei genitori.

Come conclude Il grande Gatsby:

“Così battiamo, barche controcorrente, portate indietro incessantemente nel passato”.

_

AcademyQue

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai