Il perché, il cosa e il come dell’educazione online

L'attuale situazione globale e le sue conseguenze immediate offrono l'opportunità di ripensare il perché, il cosa e il come dell'educazione, soprattutto di quella online.
Lettura in: 4 minuti

In breve

Nel corso dei secoli, uomini e donne saggi, da Confucio in Oriente a Aristotele in Occidente, hanno dichiarato che l’educazione è fondamentale per la condizione umana.

John Dewey è arrivato al punto di dire che “l’educazione non è preparazione alla vita; l’educazione è la vita stessa “.

Eppure, nonostante i proclami così altisonanti, gli ultimi 200 anni, che hanno visto la benvenuta democratizzazione e la diffusione dell’educazione di massa in tutto il mondo, hanno visto anche la progressiva subordinazione dei sistemi educativi alle esigenze dell’economia.

L’attuale pandemia globale e le sue conseguenze immediate offrono l’opportunità di riscrivere il perché, il cosa e il come dell’educazione.

La pandemia ha acceso i riflettori sui nostri sistemi economici, permettendo di capire che la maggior parte dei nostri lavoratori più importanti – infermieri, insegnanti, addetti alle pulizie, fattorini, spazzini, paramedici, addetti al check-out, braccianti agricoli, ecc. – non riceve mai nessuna ricompensa, tranne quella più modesta, dal sistema a cui sono ritenute essenziali.

Quindi, anche con l’istruzione, dovremmo chiederci:

a chi dovrebbe servire il nostro sistema educativo?

È in grado di soddisfare le aspettative?  

 

La risposta è abbastanza chiara.

I sistemi educativi dovrebbero servire a tutti. In effetti, l’istruzione è stata tradizionalmente considerata il miglior livellatore sociale, offrendo opportunità di progresso indipendentemente dal punto di partenza socio-economico. Sfortunatamente, quella promessa, mai pienamente realizzata, si sta allontanando sempre di più dal diventare una realtà.

In effetti, c’è un’argomentazione forte da sostenere sul fatto che i sistemi educativi contribuiscono ora in modo netto a ridurre i tassi di mobilità sociale in tutto il mondo.

Non è difficile capire perché.

I sistemi di istruzione sono gerarchie strutturate, progettate per incanalare “il migliore e il più brillante” delle professioni e nelle professioni che offrono il massimo potenziale di guadagno economico privato. Scuole e college d’élite, sistemi di valutazione basati sugli esami in streaming e in base al conseguimento.

Quindi, come possiamo iniziare a risolvere il problema?

Il Primo passo

Il primo passo è riconoscere ancora una volta che lo scopo principale dell’educazione non è formare la forza lavoro di oggi, domani o ieri, ma consentire la crescita umana.

Alla base, una buona educazione dovrebbe riguardare l’acquisizione e l’aggiornamento continuo della nostra comprensione di quattro cose: coscienza, civiltà, ecologia e cosmologia che le avvolge.

Mi piace pensarli come cerchi concentrici.

Il nostro punto di partenza – il cerchio interno – deve essere l’individuo.

Come discusse Cartesio quasi quattro secoli fa, la nostra coscienza individuale è probabilmente l’unica cosa di cui possiamo essere assolutamente certi. E in effetti, antichi saggi dal Buddha, a Laozi e Zenon, fondatore della scuola di filosofia storica, hanno sostenuto che il nostro mondo interiore, la nostra esperienza cosciente sotto forma di pensieri ed emozioni, è il dominio su cui possiamo raggiungere la massima padronanza.

E poiché la psicologia e la neuroscienza moderna si affermano sempre più, ciò può avere conseguenze profonde e durature per il nostro benessere e il benessere di coloro che ci circondano. Ma la padronanza si ottiene solo attraverso la pratica e la perseveranza. L’educazione deve quindi abbracciare una comprensione molto più profonda della coscienza, o per dirla colloquialmente ““what makes us tick” fin dall’inizio. 

La padronanza del proprio mondo interiore e dei suoi meccanismi dovrebbe condurre a individui più resistenti, tenaci e alla fine soddisfatti, indipendentemente dalle circostanze particolari che potrebbero trovarsi ad occupare.

Passiamo alla cerchia successiva: la civiltà.

Sappiamo dalla biologia evolutiva e dalla storia che i singoli esseri umani prosperano non in isolamento ma in comunità e che la più alta forma di comunità è la civiltà. Due grandi pensatori contemporanei – Nicholas Christakis e Yuval Harari – hanno entrambi sottolineato questo nei loro recenti lavori rivoluzionari.

In “Sapiens” Harari articola quello che definisce l’eccezionale vantaggio evolutivo dell’umanità, la sua superpotenza, la capacità di collaborare in modo flessibile in numeri molto grandi, attraverso lo spazio e il tempo.

E in “Blueprint” Christakis ci rassicura che l’arca evolutiva dell’umanità tende a formare buone società.

Terzo cerchio: l’ecologia.

Si dice che un’immagine valga più di mille parole e poco più di mezzo secolo fa il mondo vide per la prima volta un’immagine che non vale più di mille o addirittura un milione di parole ma ogni parola che sia mai stata scritta o detta dall’uomo.

La prima volta che la Terra fu mai fotografata fu nel 1968 dall’equipaggio della missione Apollo 8.

Molti osservatori sostengono che questa singola immagine sia responsabile della nascita del moderno movimento ambientalista.

Siamo disposti a scommettere che per la maggior parte delle persone l’immagine di Earthrise evoca emozioni forti e positive, e la sensazione che tutto ciò, non solo un piccolo angolo particolare, sia casa. Purtroppo la nostra casa e il nostro posto sono minacciati dalla crisi climatica e c’è un urgente bisogno di sfruttare la nostra creatività per trasformare la crisi climatica in un’opportunità per reinventare e ricostituire il modo in cui produciamo e consumiamo energia; riconoscendo nel contempo che non possiamo avere una moderna civiltà tecnologica con tutti i benefici che ci offre, senza energia.

E ora arriviamo al cerchio finale quello che contiene tutti gli altri.

Comprendere le potenti forze fisiche, chimiche e biologiche alla base della realtà nel nostro universo è ovviamente sempre stato un fattore chiave della nostra ricerca di conoscenza e comprensione.

Dalla teoria della relatività di Einstein che rende possibile il GPS e quindi un’accurata tracciabilità dei contatti, alla tavola periodica di Mendeleev e all’ingegneria chimica che ci consente di produrre potenti composti farmaceutici, alla sottostante teoria germinale della malattia articolata da Ibn Sina e che culmina dopo quasi 900 anni con il lavoro di Louis Pasteur e Robert Koch, la scienza e il metodo scientifico sono alla base dell’incredibile progresso che abbiamo fatto come specie e civiltà globale.

Sfortunatamente, mentre il patrimonio delle nostre conoscenze scientifiche continua a crescere in modo esponenziale, l’alfabetizzazione scientifica ad ampio raggio è in declino.

L’istruzione deve svolgere un ruolo nell’arresto di questo declino e l’alfabetizzazione scientifica di ampia portata deve diventare una materia fondamentale a tutti i livelli dell’istruzione.

È il nostro vaccino contro l’ignoranza, la paura e la superstizione.

Dai anche un’occhiata al nostro articolo dedicato ai master per entrare nel mondo del lavoro e ai tips da tenere in considerazione per raggiungere gli obiettivi professionali.

_

AcademyQue

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Scarica la tua Guida ai Master.

Scegliere di frequentare un Master è una decisione importante.
Ma come si fa a fare la scelta giusta?

Questa guida ti aiuterà nella scelta di un programma di Master.

Ti darà le risposte e le soluzioni a molte domande, anche quelle a cui non hai ancora pensato.

Nella guida è presente un confronto tra i migliori Master esistenti in questo momento.

aggiornamento 2020 / 2021

Con questa guida saprai